I ragazzi “chiusi” in casa: la nostra priorità